Dietro ogni impresa di successo
c'è qualcuno che in passato
ha avuto un'idea coraggiosa. 

Peter F. Drucker



Nel 1947 sono trascorsi ormai due anni dalla conclusione della Seconda Guerra Mondiale e l'Europa sente il bisogno e il desiderio di rinascita.


L'Italia non fa eccezione e lo spirito di iniziativa dei cittadini porta alla nascita di numerose imprese che, nel corso del secondo dopoguerra, rendono possibile il miracolo economico italiano.


Proprio in quell'anno, a Monza, Vittorio Motta, suo padre e altri soci, decidono di fondare la loro conceria.
La città di Monza non fa parte dei maggiori distretti conciari italiani ma, nonostante ciò, l'azienda Motta Pelli è rimasta legata, fino ad oggi, al territorio nel quale è nata e grazie al quale ha potuto crescere, evolversi ed innovarsi.


La nostra è una storia di famiglia che vede in Giorgio e Maurizio Motta, gli attuali titolari, l'incarnazione della terza generazione di un impresa con settant'anni di storia alle spalle.


Il segreto di tale successo non è affatto un segreto, ma l'unione di una serie di fattori che hanno reso possibile il raggiungimento di un traguardo importante come i settant'anni di attività.
Di cosa si tratta?


Della passione per il proprio lavoro, del rispetto per il lavoro altrui e della capacità di individuare il giusto equilibrio tra passato, presente e futuro, la facoltà di collocarsi nel giusto mezzo fra trazione e innovazione.

La storia della conceria Motta Pelli è il racconto di un cammino evolutivo che rimane saldamente ancorato alle profonde radici da cui sorge e dalle quali trae il nutrimento necessario a crescere, svilupparsi e vivere in una realtà che richiede di innovarsi per far fronte ad un continuo mutamento.


Il sentiero percorso dalla nostra azienda, difatti, ci ha portati a poter aderire all'innovativo progetto Industria 4.0 pur mantenendo, come nucleo centrale del nostro operato, la valorizzazione del sapiente lavoro artigianale che viene tramandato di generazione in generazione.